++ed by:
MISHIN

1 PAUSE user
3 non-PAUSE users.

Enrico Sorcinelli
and 1 contributors

NOME

perlfaq3 - Strumenti di Programmazione ($Revision: 1.21 $, $Date: 2009/01/26 17:06:25 $)

DESCRIZIONE

Questa sezione della FAQ risponde a domande relative agli strumenti di programmazione ed al supporto.

Come posso fare (qualsiasi cosa)?

Avete guardato in CPAN (vedete perlfaq2)? è probabile che qualcuno abbia già scritto un modulo in grado di risolvere il vostro problema. Avete letto le man page appropriate? Qui di seguito è riportato un breve indice di esse:

       Argomenti base  perldata, perlvar, perlsyn, perlop, perlsub
       Esecuzione      perlrun, perldebug
       Funzioni        perlfunc
       Oggetti         perlref, perlmod, perlobj, perltie
       Strutture Dati  perlref, perllol, perldsc
       Moduli          perlmod, perlmodlib, perlsub
       Regex           perlre, perlfunc, perlop, perllocale
       Passare a perl5 perltrap, perl
       Linking col C   perlxstut, perlxs, perlcall, perlguts, perlembed
       Vare            http://www.cpan.org/misc/olddoc/FMTEYEWTK.tgz
                       (non E<egrave> una man page ma E<egrave> ugualmente
                       utile, una collezione di vari saggi su tecniche di
                       programmazione in Perl)

Un sommario essenziale dei contenuti delle man page sul Perl si trova in perltoc.

Come posso usare Perl interattivamente?

L'approccio tipico consiste nel servirsi del Perl debugger, descritto nella man page perldebug(1), su un programma "vuoto", ad esempio:

   perl -de 42

A questo punto potete scrivere del codice Perl, e verrà subito eseguito. Potete anche esaminare la tabella dei simboli, ottenere backtrace dello stack, controllare i valori delle variabili, impostare breakpoint, ed effettuare altre operazioni tipiche dei debugger simbolici.

C'è una shell Perl?

È attualmente disponibile la versione 1.8 di psh (Perl sh). La Perl Shell è una shell che combina la natura interattiva di una shell Unix con la potenza del Perl. L'obiettivo è di avere finalmente una shell completa di tutte le caretteristiche, che si comporti come ci si aspetta da una normale attività di shell. Però, la Shell Perl userà la sintassi e la funzionalità del Perl per le istruzioni di controllo del flusso ed altre cose. Potete ottenere psh da http://sourceforge.net/projects/psh/ .

Zoidberg è un progetto simile, e fornisce una shell scritta in perl, configurata in perl e gestita in perl. È intesa come una shell di login ed un ambiente di sviluppo. Può essere trovata presso http://zoidberg.sf.net/ o presso il mirror CPAN più vicino a voi.

Il modulo Shell.pm (distribuito con il Perl) permette al Perl di usare comandi che non fanno parte del linguaggio Perl come comandi della shell. perlsh, dalla distribuzione sorgente, è semplicistico e non interessante, ma potrebbe essere ugalmente ciò di cui si ha bisogno.

Come faccio a sapere quali moduli sono installati sul mio sistema?

Si può utilizzare il modulo ExtUtils::Installed per vedere tutti i moduli installati, anche se esso può impiegare un po' di tempo per compiere la sua magia. La libreria standard inclusa nel Perl è indicata solo con "Perl" (sebbene si possa ottenere questa lista con Mod::CoreList)

    use ExtUtils::Installed;
    
    my $inst   = ExtUtils::Installed->new();
    my @moduli = $inst->modules();

Se volete una lista di tutti i nomi dei file dei moduli Perl, potete usare File::Find::Rule.

    use File::Find::Rule;
    
    my @file = File::Find::Rule->file()->name( '*.pm' )->in( @INC );

Se non avete questo modulo, potete ottenere lo stesso risultato con File::Find che fa parte della libreria standard.

    use File::Find;
    my @file;    

    find(
      sub {
        push @files, $File::Find::name
                if -f $File::Find::name && /\.pm$/
        },

      @INC
      );   

        print join "\n", @file;

Se avete semplicemente bisogno di un veloce controllo per vedere se un modulo è disponibile, potete verificarne la documentazione. Se risuscite a leggerne la documentazione, il modulo potrebbe essere installato. Se non riuscite a leggere la documentazione, il modulo potrebbe non averne (in rari casi).

    prompt% perldoc Modulo::Nome

Potete anche provare a includere il modulo in uno one-liner per vedere se il perl lo trova.

    perl -MModulo::Nome -e1 

Come effettuo il debug dei miei programmi Perl?

Avete provato use warnings o usato -w? Abilitano i warning, utili per individuare le pratiche dubbie.

Avete provato use strict? Vi impedisce di usare riferimenti simbolici, vi costringe a predichiarare ogni subroutine che chiamate con una bareword (*) e, cosa probabilmente più importante, vi costringe a predichiarare le vostre variabili con my, our o use vars.

Avete controllato i valori di ritorno di tutte le chiamate di sistema? Il sistema operativo (e di conseguenza il Perl) vi informa se hanno funzionato o meno, e se non hanno funzionato vi dice perché.

   open(FH, "> /etc/nonpossoscrivere")
     or die "Non posso scrivere su /etc/nonpossoscrivere: $!\n";

Avete letto perltrap? è pieno di suggerimenti per programmatori Perl vecchi e nuovi ed ha anche una sezione per coloro che giungono da linguaggi come awk e C.

Avete provato il debugger Perl, descritto in perldebug? Potete eseguire il vostro programma linea per linea, vedere cosa sta facendo e capire per quale ragione non sta facendo ciò che dovrebbe.

(*) Letteralmente parola nuda, indica una parola che potrebbe essere la chiamata di una funzione (ma non ha né & all'inizio né () alla fine) ed è per questo ambigua per perl a tempo di compilazione. In assenza di use strict 'subs' (che genera errore) viene trattata come se fosse inclusa tra virgolette. [NdT]

Come effettuo il profiling dei miei programmi Perl?

Dovreste procurarvi il modulo Devel::DProf (disponibile nella distribuzione standard, o separatamente su CPAN) e usare Benchmark.pm della distribuzione standard. Il modulo Benchmark consente di misurare la velocità di porzioni specifiche del vostro codice, mentre Devel::DProf fornisce una classifica dettagliata dei punti in cui il codice spende il suo tempo.

Ecco un esempio d'uso di Benchmark:

  use Benchmark;

  @robaccia   = `cat /etc/motd`;
  $iterazioni = 10_000;

  timethese($iterazioni, {
            'map' => sub { my @a = @robaccia;
               map { s/a/b/ } @a;
               return @a
             },
            'for' => sub { my @a = @robaccia;
               local $_;
               for (@a) { s/a/b/ };
               return @a },
           });

Ed ecco quello che stampa (su un certo calcolatore -- i risultati dipenderanno dal vostro hardware, dal sistema operativo, e dal carico di lavoro del vostro computer):

  Benchmark: timing 10000 iterations of for, map...
         for:  4 secs ( 3.97 usr  0.01 sys =  3.98 cpu)
         map:  6 secs ( 4.97 usr  0.00 sys =  4.97 cpu)

Siate consapevoli del fatto che un buon benchmark è molto difficile da scrivere. Esso si limita a controllare i dati che gli passate e dimostra poco della differente complessità degli algoritmi a confronto.

Come posso fornire i miei programmi Perl di rimandi (cross-reference)?

Il modulo B::Xref può essere usato per generare rapporti dei rimandi per programmi Perl.

    perl -MO=Xref[,OPZIONI] nomescript.plx

Esiste un pretty-printer (formattatore) per il Perl?

Perltidy è uno script Perl che indenta e riformatta script Perl per renderli più facili da leggere, cercando di applicare le regole contenute in perlstyle. Se scrivete script Perl, o spendete molto tempo leggendoli, probabilmente lo troverete utile. È disponibile alla URL http://perltidy.sourceforge.net

Naturalmente, seguendo semplicemente le linee-guida di perlstyle, non dovrebbe esserci bisogno di riformattare. L'abitudine di formattare il codice mentre lo si scrive aiuterà a prevenire i bug. Il vostro editor può e dovrebbe aiutarvi in questo compito. perl-mode o il più recente cperl-mode di Emacs possono fornire una considerevole quantità di aiuto con la maggior parte del codice (ma non tutto), e gli editor meno programmabili possono fornire un ausilio significativo. Tom Christiansen e molti altri utenti VI sono fedeli seguaci delle seguenti impostazioni di vi e dei suoi cloni:

    set ai sw=4
    map! ^O {^M}^[O^T

Inseriteli nel vostro file .exrc (sostituendo gli accenti circonflessi con caratteri di controllo) e via. Nella modalità di inserimento ^T serve per aumentare l'indentazione, ^D per diminuirla e ^O per diminuire l'indentazione di un blocco. Si può trovare un esempio più complesso, e commentato, su http://www.cpan.org/authors/id/TOMC/scripts/toms.exrc.gz

a2ps http://www-inf.enst.fr/%7Edemaille/a2ps/black+white.ps.gz svolge un sacco di compiti relativi alla generazione di output stampati in maniera accattivante a partire da documenti, così come enscript su http://people.ssh.fi/mtr/genscript/ .

Esite una versione di ctags per Perl?

(contributo di brian d foy)

Gli exuberant ctags supportano Perl: http://ctags.sourceforge.net/

Potete provare anche pltags: http://www.mscha.com/pltags.zip

Esiste un IDE o un editor Perl per Windows?

I programmi in Perl sono in testo semplice, quindi qualsiasi editor li può creare.

Se utilizzate Unix, avete già un IDE--Unix. La filosofia UNIX è la filosofia di diversi piccoli strumenti che singolarmente fanno una cosa e la fanno bene. È una sorta di cassetta degli attrezzi di un falegname.

Se volete un IDE, date un'occhiata a quelli che seguono (in ordine alfabetico, non in ordine di preferenza):

Eclipse

http://e-p-i-c.sf.net/

L'Eclipse Perl Integration Project [Progetto per l'Integrazione di Perl ed Eclipse, NdT] integra funzioni di editing/debugging con Eclipse.

Enginsite

http://www.enginsite.com/

Perl Editor da EngInSite è un completo ambiente integrato di sviluppo (IDE) per creare, testare ed effettuare il debug di script Perl; for creating, testing, and debugging Perl scripts; il programma funziona su Windows 9x/NT/2000/XP o successivi.

Komodo

http://www.ActiveState.com/Products/Komodo/

L'IDE multi piattaforma e multi linguaggio di Activestate (dall'ottobre 2004 per Windows, Linux e Solaris), ha il supporto Perl, include un debugger di espressioni regolari e un debugging remoto.

Open Perl IDE

http://open-perl-ide.sourceforge.net/

Open Perl IDE è un ambiente integrato di sviluppo per scrivere e fare il debugging di script in Perl mediante l'ActivePerl di ActiveState su Windows 95/98/NT/2000.

OptiPerl

http://www.optiperl.com/

OptiPerl è un IDE Windows con un ambiente CGI simulato, include un debugger e un editor syntax highlighting [evidenziatore di sintassi, NdT].

PerlBuilder

http://www.solutionsoft.com/perl.htm

PerlBuilder è un ambiente integrato di sviluppo per Windows che supporta lo sviluppo Perl.

visiPerl+

http://helpconsulting.net/visiperl/

Da Help Consulting, per Windows.

Visual Perl

http://www.activestate.com/Products/Visual_Perl/

Visual Perl è un plugin per Visual Studio.NET da ActiveState.

Zeus

http://www.zeusedit.com/lookmain.html

Zeus per Windows è un altro editor/IDE multi linguaggio per Win32 che ha un supporto per il Perl:

Per gli editor: se utilizzate Unix probabilmente avete già vi o un clone di vi, e probabilmente anche emacs, dunque non dovreste aver bisogno di fare il download di nulla. In qualunque emacs, la modalità c-mode (M-x cperl-mode) fornisce forse il miglior metodo di editing in Perl disponibile.

Se state usando Windows, potete servirvi di qualsiasi editor che vi permetta di lavorare con il plain text [testo semplice con file ad estensione txt, NdT], come NotePad o WordPad. I Word processor come Microsoft Word o WordPerfect tipicamente non sono indicati, dal momento che inseriscono qualsiasi sorta di informazione dietro le quinte, anche se molti permettono di salvare file come "Solo Testo". Potete anche scaricare editor di testo progettati specificatamente per la programmazione, come Textpad ( http://www.textpad.com/ ) e UltraEdit ( http://www.ultraedit.com/ ), fra gli altri.

Se state usando MacOS, valgono le stesse considerazioni. Con MacPerl (per un ambiente Classic) c'é un semplice editor. Editor esterni popolari sono BBEdit ( http://www.bbedit.com/ ) o Alpha ( http://www.his.com/~jguyer/Alpha/Alpha8.html ). Anche gli utenti di MacOS X possono usare gli editor Unix. Neil Bowers (la persona che sta dietro a Geekcruises) ha un elenco di editor per Mac che sono in grado di gestire Perl ( http://www.neilbowers.org/macperleditors.html ).

GNU Emacs

http://www.gnu.org/software/emacs/windows/ntemacs.html

MicroEMACS

http://www.microemacs.de/

XEmacs

http://www.xemacs.org/Download/index.html

Jed

http://space.mit.edu/~davis/jed/

o cloni di vi come

Elvis

ftp://ftp.cs.pdx.edu/pub/elvis/ http://www.fh-wedel.de/elvis/

Vile

http://dickey.his.com/vile/vile.html

Vim

http://www.vim.org/

Per gli amanti di vi in generale, Windows o altro:

        http://www.thomer.com/thomer/vi/vi.html

nvi ( http://www.bostic.com/vi/, disponibile su CPAN in src/misc/) è ancora un clone vi, sfortunatamente non disponibile per Windows, ma su piattaforme UNIX potresti essere interessato a provarlo, anzitutto perché non è un clone vi in senso stretto, + il vero vi, o la sua nuova incarnazione, ed in secondo luogo perché potete utilizzare Perl al suo interno come linguaggio di scripting. nvi non è tuttavia l'unico a poter fare ciò: almeno vim e vile offrono un Perl embedded.

I seguenti link sono editor/IDE multilinguaggio per Win32 che supportano Perl:

Codewright

http://www.borland.com/codewright/

MultiEdit

http://www.MultiEdit.com/

SlickEdit

http://www.slickedit.com/

C'è anche un editor, basato su una text widget di testo semplice scritto in Perl che è distribuito con il modulo Tk su CPAN. Il ptkdb ( http://world.std.com/~aep/ptkdb/ ) è un debugger basato su Perl/tk che si comporta come una sorta ambiente di sviluppo. Perl Composer ( http://perlcomposer.sourceforge.net/ ) è un IDE per la creazione di una GUI Perl/Tk.

Oltre ad un editor/IDE, potreste essere interessato in un ambiente shell per Win32 più potente. Le tue scelte comprendono

Bash

dal pacchetto Cygwin ( http://sources.redhat.com/cygwin/ )

Ksh

dal Toolkit MKS ( http://www.mks.com/ ) oppure la shell Bourne shell dall'ambiente U/WIN ( http://www.research.att.com/sw/tools/uwin/ )

Tcsh

ftp://ftp.astron.com/pub/tcsh/ , si veda anche http://www.primate.wisc.edu/software/csh-tcsh-book/

Zsh

ftp://ftp.blarg.net/users/amol/zsh/ , si veda anche http://www.zsh.org/

MKS e U/WIN sono commerciali (U/WIN è libero per scopi educativi e di ricerca), Cygwin è sotto la GNU Public License (ma ciò è irrilevante se si utilizza Perl). Cygwin, MKs, e U/WIN contengono tutti (oltre alle shell) un insieme molto vasto di utility standard UNIX .

Se state trasferendo file di testo da Unix a Windows usando FTP, accertatevi di trasferirli in modalità ASCII, così i terminatori di riga saranno convertiti in modo appropiato.

Su Mac OS, con il MacPerl Application viene incluso un semplice text editor di 32k che si comporta come un rudimentale IDE. In contrasto con il MacPerl Application, il MPW Perl tool può fare uso della stessa shell MPW come fosse un editor (senza il limite di 32k).

Affrus

è un completo ambiente di sviluppo Perl con un pieno supporto al debug ( http://www.latenightsw.com ).

Alpha

è un editor, scritto estendibile in Tcl, che non di meno ha un supporto incorporato per diversi popolari linguaggi di markup e programmazione inclusi il Perl e l'HTML ( http://www.his.com/~jguyer/Alpha/Alpha8.html ).

BBEdit and BBEdit Lite

sono text editors per Mac OS che hanno un Perl sensitivity mode ( http://web.barebones.com/ ).

Pepper e Pe sono text editor sensibili al linguaggio di programmazione rispettivamente per Mac OS X e BeOS ( http://www.hekkelman.com/ ).

Dove posso trovare delle macro per vi?

Per una versione completa del file di configurazione per vi di Tom Christiansen, consultate http://www.cpan.org/authors/Tom_Christiansen/scripts/toms.exrc.gz , il file standard di benchmark per gli emulatori di vi. Il file viene eseguito al meglio con nvi, la versione corrente di vi di Berkeley, che, guarda caso, può essere compilato con un interprete Perl integrato--si veda http://www.cpan.org/src/misc/ .

Dove posso trovare perl-mode per emacs?

Più o meno a partire dalla versione 19 patchlevel 22 di Emacs, sono stati presenti sia perl-mode.el sia il supporto per il debugger Perl interno. Tutto ciò dovrebbe essere incluso nella distribuzione standard di Emacs 19.

Nella directory del sorgente Perl potete trovare una directory denominata "emacs", che contiene un cperl-mode il quale fornisce la colorazione delle parole chiave, un help sensibile al contesto ed altre cose eccezionali.

Notate che il perl-mode di emacs potrebbe avere problemi con "main'pippo" (singolo apice), e far confusione con l'indentatura e l'evidenziamento della sintassi. Probabilmente starete usando "main::pippo" nel codice Perl recente, quindi questo non dovrebbe essere un problema.

Come si possono usare le curses con il Perl?

Il modulo Curses, su CPAN, fornisce una interfaccia alla libreria curses con un modulo ad oggetti caricabile dinamicamente. Una piccola demo può essere trovata all'indirizzo http://www.cpan.org/authors/Tom_Christiansen/scripts/rep.gz ; questo programma ripete un comando ed aggiorna lo schermo come richiesto, rappresentando rep ps axu in maniera simile a top.

Come posso usare X oppure Tk con il Perl?

Tk è un'interfaccia completa, orientata agli oggetti e basata su Perl, al toolkit Tk, che non costringe all'utilizzo del Tcl solamente per avere il Tk. Sx è un'interfaccia all'insieme di Widget Athena. Entrambe sono disponibili su CPAN. Si veda la web directory: http://www.cpan.org/modules/by-category/08_User_Interfaces/

Inestimabili per i programmatori Perl/Tk sono le FAQ del Perl/Tk su http://phaseit.net/claird/comp.lang.perl.tk/ptkFAQ.html , la Guida di riferimento del Perl/Tk disponibile su http://www.cpan.org/authors/Stephen_O_Lidie/ e le pagine del manuale che si trovano online su http://www-users.cs.umn.edu/%7Eamundson/perl/perltk/toc.html .

Come posso rendere più veloce il mio programma scritto in Perl?

Il massimo è trovare un algoritmo migliore. Spesso la differenza è notevole. Potreste controllare il capitolo 8 del Camel Book, che contiene alcuni trucchi per migliorare l'efficienza. Anche il libro di Jon Bentley, "Programming Pearls" (non è un errore di battitura!), contiene buoni suggerimenti sull'ottimizzazione. Per quanto riguarda i benchmark, il consiglio si riassume in: realizzate dei benchmark e fate profiling per essere sicuri di ottimizzare nel punto giusto, cercate degli algoritmi migliori anziché mettere a punto i dettagli, e quando tutti i tentativi falliscono, considerate la possibilità di comprare hardware più veloce. Potreste voler leggere la risposta alla precedente domanda "Come effettuo il profiling dei miei programmi Perl?" se non l'avete già fatto.

Un approccio diverso consiste nell'applicare le tecniche di Autoloading al codice utilizzato di rado. Guardate i moduli AutoSplit e AutoLoad nella distribuzione standard. Oppure potete capire qual è il collo di bottiglia e scrivere solo quella parte in C, così, come si usava individuare i colli di bottiglia nel codice C per poi riscriverli in assembler. Analogo alla riscrittura del codice in C è l'uso di moduli nei quali le sezioni critiche sono scritte in C (ad esempio, il modulo PDL di CPAN).

Se al momento il vostro eseguibile perl è linkato ad una libc.so condivisa, allora in molti casi potete ottenere un miglioramento della performance del 10-25% ricompilandolo e linkandolo ad una libc.a statica. Questo produrrà un eseguibile perl più grande, ma i vostri programmi (e i programmatori) vi ringrazieranno. Guardate il file INSTALL nella distribuzione del codice per ulteriori informazioni.

Il programma undump era un vecchio tentativo di velocizzare i programmi Perl memorizzandoli su disco in forma già compilata. Non è più un'opzione praticabile, dato che funziona solo su alcune architetture, e comunque non era una buona soluzione.

Come posso fare affinché i miei programmi in Perl occupino meno memoria?

Quando si tratta di trovare un compromesso tra tempo e risorse, Perl sceglie quasi sempre di utilizzare più memoria. Gli scalari, in Perl, utilizzano più memoria delle stringhe in C, gli array occupano più memoria di questi e gli hash ne usano ancora di più. Nonostante ci sia ancora molto da fare, le recenti release si sono occupate di questi problemi. Per esempio, a partire dala 5,004, le chiavi duplicate degli hash sono ripartite fra tutti gli hash che le stanno usando, in modo che non sia necessaria una nuova riallocazione.

In certi casi, usare substr() o vec() per simulare array può essere altamente favorevole. Per esempio, un array di mille booleani occuperà almeno 20.000 byte di spazio, ma può essere trasformato in un vettore di 125-byte--un considerevole risparmio di memoria. Il modulo standard Tie::SubstrHash può anche aiutare per certi tipi di strutture dati. Se state lavorando con strutture dati particolari (matrici, ad esempio) i moduli che le implementano in C potrebbero usare meno memoria degli equivalenti moduli Perl.

Un'altra cosa da provare è capire se il vostro Perl sia stato compilato con la funziona malloc di sistema o con quella propria di Perl. Qualunque sia la verità, provate ad usare l'altra ed osservate se questo fa la differenza. Informazioni su malloc sono reperibili nel file INSTALL nei sorgenti della distribuzione. Potete capire se state usando malloc del perl digitando perl -V:usemymalloc.

Naturalmente il metodo migliore per risparmiare memoria è, in primo luogo, non fare nulla per sprecarla. Le buone pratiche di programmazione possono orientarsi in questa direzione:

  • Non siate ingordi!

    Non leggete un intero file in memoria se puoi esaminarlo linea per linea. O, più concretamente, usate un ciclo come questo:

        #
        # Buona Idea
        # while ()
        {
             # ...
        }

    al posto di questo:

        #
        # Cattiva Idea
        #
        @dati = ;
        foreach (@dati) {
           # ...
        }

    Quando i file che state analizzando sono piccoli, non importa molto quale metodo usate, ma fa una enorme differenza quando essi iniziano a diventare più grandi.

  • Usate map e grep solo quando è il caso

    Ricordate che sia map sia grep si aspettano una LISTA di argomenti, quindi questo codice:

        @ricercato = grep {/pattern/} ;

    causerà il risucchio dell'intero file. Per file grandi, è meglio creare un ciclo:

        while () { push(@ricercato, $_) if /pattern/; }
  • Evitate apici non necessari e conversioni in stringa

    Non inserite tra apici stringhe di grandi dimensioni, a meno che non sia assolutamente necessario:

        my $copia = "$grande_stringa";

    crea due copie di $grande_stringa (una per $copia e un'altra per la stringa fra doppi apici), considerando che

        my $copia = $grande_copia;

    crea una sola copia.

    Lo stesso vale per fare di un grande array una stringa:

        {
           local $, = "\n";
           print @grande_array;
        }

    è molto più efficiente di un

        print join "\n", @grande_array;

    o

        {
           local $" = "\n";
           print "@grande_array";
        }
  • Passate per reference

    Passate gli array e gli hash tramite reference, non tramite valori. Per dirne una, è il solo metodo per passare liste multiple o hash (o entrambi) in una singola chiamata/ritorno. Inoltre, questo procedimento evita di generare una copia di tutti i contenuti. Questo richiede un certo giudizio, comunque, perché qualsiasi cambiamento sarè propagato di nuovo ai dati originali. Se volete veramente mutilare (o modificare) una copia, dovrete sacrificare la memoria necessaria per crearne una.

  • Legate al disco le variabili grandi.

    Per "grandi" depositi di dati (per esempio quelli che eccedono la memoria disponibile), considerate la possibilità di utilizzare uno dei moduli DB per immagazzinarli sul disco anziché in RAM. Ciò penalizzerà il tempo di accesso ma è probabilmente meglio che provacare un massiccio swapping del vostro disco rigido.

È sicuro restituire un riferimento a dati locali o a dati lessicali?

Sì. Di questo si occupa il sistema di garbage collector del Perl, dunque tutto si risolverà in maniera appropriata.

    sub creaneuno {

        my @a = ( 1 .. 10 );
        return \@a;
    }

    for $i ( 1 .. 10 ) {
        push @molti, creaneuno();
    }

    print $molti[4][5], "\n";

    print "@molti\n";

Come posso liberare un array o un hash in modo che il mio programma si riduca (in memoria)?

(contributo di Michael Carman)

Di solito non si può. La memoria allocata ai lessicali (cioè le variabili my()) non poò essere recuperata o riutilizzata anche se le variabili vanno al di fuori dello scope. La memoria è riservata nel caso che le variabili ritornito nello scope. La memoria allocata alle variabili globali può essere riutilizzata (all'interno del vostro programma) utilizzando undef() e/o delete().

Sulla maggior parte dei sistemi operativi, la memoria allocata ad un programma non può essere restituita al sistema. Questo è il motivo per cui i programmi di lunga esecuzione talvolta si ri-eseguono. Alcuni sistemi operativi (da rimarcare, i sistemi che usano mmap(2) per allocare grosse porzioni di memoria) possono chiedere la restituzione della memoria che non viene piì usata, ma, su tali sistemi, perl deve essre configurato e compilato affinché usi il malloc del sistema operativo e non quello del perl.

In generale, l'allocazione di memoria e la deallocazione, in Perl non sono qualcosa di cui possiate o che dobbiate preoccuparvi molto.

Consultate anche "Come posso fare affinché i miei programmi in Perl occupino meno memoria?"

Ad ogni modo, un uso giudizioso di my() sulle vostre variabili vi aiuterà ad assicurarvi la loro uscita dallo scope in maniera che Perl possa liberare quello spazio per usarlo in altre parti del vostro programma. Una variabile globale, naturalmente, non uscirà mai dallo scope, per cui non si può avere automaticamente la restituzione del suo spazio, benché eseguire su di essa un undef() e/o un delete() otterrà lo stesso effetto. In generale, l'allocazione di memoria e la deallocazione, in Perl non sono qualcosa di cui possiate o che dobbiate preoccuparvi molto, ma anche questa proprietà (la preallocazione di tipi di dato) è in cantiere.

Come posso rendere più efficienti i miei script CGI?

Al di là dei normali provvedimenti descritti al fine di rendere più veloci o più piccoli i normali programmi Perl, un programma CGI ha delle ulteriori questioni. Esso viene eseguito diverse volte al secondo. Dato che, ogni qualvolta viene eseguito, esso necessita di essere ricompilato e spesso alloca un megabyte, o più, di memoria di sistema, questo potrebbe rivelarsi mortale. Compilare in C non vi sarà di aiuto perché il collo di bottiglia si trova nello spreco di risorse che si ha a causa dal processo di avvio.

Ci sono due modi gettonati per evitare questo spreco di risorse. Una soluzione coinvolge l'esecuzione del server HTTP Apache (disponibile su http://www.apache.org/ ) con uno o l'altro dei moduli plugin mod_perl e mod_fastcgi.

Con mod_perl ed il modulo Apache::Registry (distribuito con mod_perl), httpd funzionerà con un interprete Perl integrato che precompilerà i vostri script e li eseguirà all'interno dello stesso spazio di indirizzamento, senza effettuare dei fork. L'estensione di Apache darà a Perl l'accesso alle API interne del server, facendo sì che i moduli scritti in Perl possano fare proprio tutto quello che può fare un modulo scritto in C. Per maggiori informazioni su mod_perl, si veda http://perl.apache.org/

Con il modulo FCGI (da CPAN) e il modulo mod_fastcgi (disponibile su http://www.fastcgi.com/ ) ogni vostro programma Perl diverrà un processo demone permanente.

Entrambe queste soluzioni possono avere effetti di vasta portata sul vostro sistema e sul modo in cui scrivete i vostri programmi CGI, dunque indagate su di essi con cautela.

Consultate http://www.cpan.org/modules/by-category/15_World_Wide_Web_HTML_HTTP_CGI/ .

Come posso nascondere il codice sorgente del mio programma Perl?

Cancellatelo. :-) Seriamente, ci sono un certo numero di (per lo più insoddisfacenti) soluzioni, con diversi livelli di "sicurezza".

Prima di tutto, ad ogni modo, non non si può rimuovere il permesso di lettura, perché il codice sorgente deve essere leggibile affinché sia compilato ed interpretato. (Tuttavia questo non significa che il sorgente di uno script CGI sia leggibile sul web dalle persone, ma solo dalle persone che hanno accesso al filesystem.) Dunque, dovete lasciare i permessi al livello socialmente amichevole di 0755.

Alcune persone considerano questo un problema di sicurezza. Se i vostri programmi compiono azioni insicure e si affidano a persone che non conoscono il modo di sfruttare queste insicurezze, ciò non è sicuro. Spesso per qualcuno è possibile determinare le insicurezze e sfruttarle senza vedere il sorgente. La sicurezza attraverso l'oscuratezza, il modo per chiamare il fatto di nascondere i vostri bug invece di correggerli, è davvero qualcosa di poco sicuro.

Potete provare ad usare la cifratura attraverso filtri per il sorgente (a partire dal Perl 5.8, i moduli Filter::Simple e Filter::Util::Call sono inclusi nella distribuzione standard), ma ogni discreto programmatore sarà in grado di decifrarlo. Potete provare usando il compilatore e interprete di byte code descritto più in basso, ma i curiosi potrebbero ancora decompilarlo. Potete tentare di utilizzare il compilatore di codice nativo descritto più sotto, ma i cracker potrebbero disassemblarlo. Queste cose mettono in difficoltà, in varia misura, coloro i quali vogliono impossessarsi del vostro codice, ma nessuno può nasconderlo definitivamente (ciò è vero per qualsiasi linguaggio, non solo Perl).

é molto facile recuperare il sorgente dei programmi Perl. Date semplicemente in pasto il programma all'interprete perl ed utilizzate i moduli nella gerarchia B:: . Il modulo B::Deparse dovrebbe essere in grado di superare il maggior numero di tentativi di nascondere il sorgente. Di nuovo, questo non riguarda solo Perl.

Se siete preoccupati che le persone traggano profitto dal vostro codice, allora la conclusione è che niente darà più sicurezza legale di una licenza restrittiva. Fornite una licenza al vostro software e tempestatelo di frasi minacciose del tipo "Questo è software inedito di proprietà della ditta XYZ. L'accesso ad esso non vi dà il permesso di usarlo bla bla bla." Non siamo avvocati naturalmente, dunque dovreste consultare un legale per essere sicuri che la stesura della vostra licenza reggerà in tribunale.

Come posso compilare programmi Perl in C o in bytecode?

(contributo di brian d foy)

In generale, non potete farlo. Ci sono comunque alcune cose che possono funzionare per il vostro caso. Le persone di solito pongono questa domanda perché vogliono distribuire i propri lavori senza regalare il codice sorgente e la maggior parte delle soluzioni sacrifica l'occupazione su disco per la convenienza. Probabilmente non vedrete nemmeno questo gran incremento di velocità visto che la maggior parte delle soluzioni semplicemente ingloba un interprete Perl nel prodotto finale (ma consultate "Come posso rendere più veloce il mio programma scritto in Perl?").

Il Perl Archive Toolkit ( http://par.perl.org/index.cgi ) è l'analogo Perl del JAR di Java. È disponibile gratuitamente su CPAN ( http://search.cpan.org/dist/PAR/ ).

Lo spazio dei nomi B::*, spesso chiamato "il compilatore Perl", in realtà è un modo per i programmatori Perl di sbirciare nelle proprie interiora piuttosto che creare versioni precompilate dei vostri programmi. Ad ogni modo, il modulo B::Bytecode può convertire i vostri script in un formato bytecode che potrebbe essere caricato successivamente dal modulo ByteLoader ed eseguito come un usuale script Perl.

Ci sono anche alcuni prodotti commerciali che vi potrebbero andar bene, sebbene ne dobbiate acquistare una licenza.

Il Perl Dev Kit ( http://www.activestate.com/Products/Perl_Dev_Kit/ ) da ActiveState può "Turn your Perl programs into ready-to-run executables for HP-UX, Linux, Solaris and Windows." [Convertire i vostri programmi Perl in eseguibili pronti da usare per HP-UX, Linux, Solaris e Windows,", NdT]

Perl2Exe ( http://www.indigostar.com/perl2exe.htm ) è un programma a linea di comando per convertire degli script perl in file eseguibili. Produce eseguibili per le piattaforme Windows e unix.

Come si può compilare il Perl dentro Java?

Con il Perl Resource Kit della O'Reilly Media sarete in grado di integrare Java e Perl. Consultate http://www.oreilly.com/catalog/prkunix/ .

Perl 5.6 comprende il Java Perl Lingo, o JPL. JPL, che è ancora in fase di sviluppo, permette di chiamare codice Perl da Java. Consultate jpl/README nell'albero delle directory della distribuzione sorgente Perl.

Come posso far funzionare "#!perl" su [MS-DOS,NT,...]?

Per OS/2 usate semplicemente

    extproc perl -S -vostri_switch

come prima linea nel file *.cmd (-S è necessario a causa di un bug nella gestione di "extproc" in cmd.exe). Per il DOS dovrete anzitutto creare un batch file corrisposndente e codificare tutto in ALTERNATIVE_SHEBANG (consultate il file INSTALL nella distribuzione sorgente per maggiori informazioni).

L'installazione Win95/NT, quando usate il Perl di ActiveState, modifica il Registry per associare l'estensione .pl all'interprete perl. Se intallate un'altra distribuzione, o magari compilate il vostro Perl Win95/NT personale dai sorgenti standard utilizzando una versione Windows di gcc (ad esempio con cygwin o mingw32), allora dovrete modificare voi stessi il registry. Oltre ad associare .pl all'interprete, gli utilizzatori di NT possono usare SET PATHEXT=%PATHEXT%.PL per essere in grado di lanciare programmi come install-linux.pl semplicemente digitando install-linux.

I programmi Perl sotto MacOS "Classico" hanno gli appropriati Creator e Type, quindi un doppio click su di essi causa l'invocazione dell'applicazione Perl. Sotto Mac OS X, le applicazioni cliccabili possono essere fatte a partire da qualsiasi script di tipo #! utilizzando l'utility DropScript di Wil Sanchez: http://www.wsanchez.net/software/ .

IMPORTANTE!: Qualunque cosa facciate, PER FAVORE, non fate la pazzia di copiare l'interprete perl nella vostra directory cgi-bin, al fine di far sì che i vostri programmi funzionino bene sotto un web server. Questo è un rischio di sicurezza ESTRAMAMENTE grande. Prendetevi il tempo necessario per capire come fare le cose in maniera corretta.

Posso scrivere, dalla linea di comando, programmi Perl utili?

Sì. Leggete perlrun per maggiori informazioni. Di seguito sono riportati alcuni esempi. (Questi assumono che vengano applicate le regole di quoting della shell Unix standard.)

    # somma primo ed ultimo campo
    perl -lane 'print $F[0] + $F[-1]' *

    # identifica i file di testo
    perl -le 'for(@ARGV) {print if -f && -T _}' *

    # rimuove (la maggior parte de) i commenti dal programma C
    perl -0777 -pe 's{/\*.*?\*/}{}gs' pippo.c

    # cambia la data di un file ad un mese prima, sconfiggendo i reaper deamon
    perl -e '$X=24*60*60; utime(time(),time() + 30 * $X,@ARGV)' *

    # trova il primo uid inutilizzato
    perl -le '$i++ while getpwuid($i); print $i'

    # visualizza il path delle pagine man
    echo $PATH | perl -nl -072 -e '
        s![^/+]*$!man!&&-d&&!$s{$_}++&&push@m,$_;END{print"@m"}'

OK, l'ultimo in realtà partecipava all'Obfuscated Perl Contest. :-)

Perché gli one-liner Perl non funzionano sul mio sistema DOS/Mac/VMS?

Di solito il problema è che l'interprete dei comandi di questi sistemi ha idee sul quoting piuttosto differenti rispetto a quelle delle shell Unix nelle quali gli one-liner sono stati creati. Su alcuni sistemi, potreste dover cambiare gli apici singoli in doppi apici, cosa che NON dovete fare in Unix o nei sistemi Plan9. Potreste inoltre dover cambiare un singolo % in un %%.

Ad esempio:

    # Unix
    perl -e 'print "Ciao Mondo\n"'

    # DOS, etc.
    perl -e "print \"Ciao Mondo\n\""

    # Mac
    print "Ciao Mondo\n"
    (e poi Run "Myscript" oppure Shift-Mela-R)

    # VMS
    perl -e "print ""Ciao Mondo\n"""

Il problema è che nessuno di questi esempi è affidabile: dipende dall'interprete dei comandi. In ambiente Unix, i primi due esempi spesso funzionano. In ambiente DOS è del tutto possibile che nessuno dei due funzioni. Se la shell fosse 4DOS, probabilmente avreste miglior fortuna con qualcosa del genere:

    perl -e "print <Ctrl-x>"Ciao Mondo\n<Ctrl-x>""

Su Mac, dipende dall'ambiente che state usando. La shell MacPerl, oppure MPW, è in larga misura analoga ad una shell Unix per quanto riguarda il supporto di diverse varianti del quoting, eccettuato il fatto che adopera liberamente i caratteri non-ASCII come caratteri di controllo.

L'uso di qq(), q() e qx() anziché dei "doppi apici", 'singoli apici' e `apici inversi' potrebbe rendere gli one-liner più semplici da scrivere.

Non c'è una soluzione generale. È una situazione confusa.

[Parte di questa risposta è un contributo di Kenneth Albanowski.]

Dove posso imparare qualcosa sulla programmazione CGI o Web in Perl?

Per quanto riguarda i moduli, procuratevi CGI o LWP da CPAN. Per i libri di testo, consultate i due specifici indicati nella domanda riguardante i libri. Per problemi e domande relative al web, come "Perché mi capitano errori 500" oppure "Perché non funziona dal browser quando funziona benissimo dalla linea di comando", consultate le guide alla risoluzione dei problemi ed i riferimenti in perlfaq9 o nella CGI MetaFAQ (NdT: in lingua inglese):

        http://www.perl.org/CGI_MetaFAQ.html

Dove posso imparare qualcosa sulla programmazione orientata agli oggetti in Perl?

Un buon punto di partenza è perltoot, mentre perlobj, perlboot, perltoot, perltooc e perlbot potete usare come riferimenti.

Un buon libro sulla OO in Perl è "Object-Oriented Perl" di Damian Conway della Manning Publications oppure "Learning Perl References, Objects, & Modules" di Randal Schwartz e Tom Phoenix da O'Reilly Media.

Dove posso imparare qualcosa sul linking del C con il Perl?

Se volete chiamare codice C da Perl, partite con perlxstut, andando avanti con perlxs, xsubpp e perlguts. Se desiderate chiamare Perl da C, allora leggete perlembed, perlcall e perlguts. Non dimenticate che si può imparare molto dando un'occhiata a come gli autori dei moduli di estesione esistenti hanno scritto il loro codice ed hanno risolto i loro problemi.

Potreste non aver bisogno di tutta la potenza di XS. Il modulo Inline::C vi permette di mettere codice C direttamente nei vostri sorgenti Perl. Il modulo si occupa di tutta la magia per fare funzionare le cose. Dovete ancora imparare almeno un po' delle API del perl ma non avrete a che fare con la complessità dei file di supporto XS.

Ho letto le pagine di manuale perlembed, perlguts, ecc., ma non riesco ad incapsulare l'interprete perl nel mio programma C, dove sbaglio?

Scaricate il pacchetto ExtUtils::Embed da CPAN e lanciate 'make test'. Se i test hanno successo, leggete e rileggete la documentazione. Se falliscono, guardate la pagina perlbug e inviate una segnalazione di errore con l'output di make test TEST_VERBOSE=1 e perl -V.

Quando ho provato a lanciare il mio script, ho ricevuto questo messaggio. Cosa vuol dire?

Una lista completa dei messaggi d'errore e dei warning di Perl, corredata da spiegazioni, può essere trovata in perldiag. Potete inoltre usare il programma splain (distribuito insieme a Perl) per spiegare il messaggio d'errore:

    perl programma 2>messaggi_diagnostici.out
    splain [-v] [-p] messaggi_diagnostici.out

oppure modificare il vostro programma affinché spieghi i messaggi per voi:

    use diagnostics;

oppure

    use diagnostics -verbose;

Cos'è MakeMaker?

Questo modulo (che fa parte della distribuzione Perl standard) è progettato per scrivere, a partire da un Makefile.PL, un Makefile per un modulo di estensione. Per maggiori informazioni vedete ExtUtils::MakeMaker.

AUTORE E COPYRIGHT

Copyright (c) 1997-2006 Tom Christiansen, Nathan Torkington e altri autori menzionati. Tutti i diritti riservati.

Questa documentazione è libera; potete ridistribuirla e/o modificarla secondo gli stessi termini applicati al Perl.

Indipendentemente dalle modalità di distribuzione, tutti gli esempi di codice in questo file sono rilasciati al pubblico dominio. Potete, e siete incoraggiati a farlo, utilizzare il presente codice o qualunque forma derivata da esso nei vostri programmi per divertimento o per profitto. Un semplice commento nel codice che dia riconoscimento alle FAQ sarebbe cortese ma non è obbligatorio.

TRADUZIONE

Versione

La versione su cui si basa questa traduzione è ottenibile con:

   perl -MPOD2::IT -e print_pod perlfaq3

Per maggiori informazioni sul progetto di traduzione in italiano si veda http://pod2it.sourceforge.net/ .

Traduttore

Traduzione a cura di Michele Beltrame.

Revisore

Revisione a cura di Michele Beltrame e dree.