++ed by:
MISHIN

1 PAUSE user
3 non-PAUSE users.

Author image Enrico Sorcinelli
and 1 contributors

NOME

perlfork - L'emulazione di fork() fornita dal Perl

SINOSSI

    NOTA: Con la versione 5.8.0, l'emulazione di fork() e` considerevolmente
    maturata. Comunque, ci sono ancora qualche bug conosciuto, e delle
    differenze rispetto alla fork() reale, che potrebbero riguardarvi.
    Consultate le sezioni "BUG" e "AVVERTIMENTI E LIMITAZIONI" piu` avanti.

Il Perl fornisce una funzione fork() che corrisponde alla chiamata di sistema Unix con lo stesso nome. Sulla maggior parte dei sistemi tipo Unix su cui la chiamata di sistema fork() è disponibile, Perl altro non fa che chiamarla.

Su alcuni sistemi come Windows, dove la chiamata di sistema fork() non è disponibile, Perl può essere compilato per emulare fork() a livello di interprete. Benché l'emulazione sia progettata per essere, a livello del programma Perl, il più compatibile possibile con la vera fork(), ci sono alcune importanti differenze, che derivano dal fatto che tutti i "processi" pseudofigli creati in questo modo, in realtà, per quanto concerne il sistema operativo, vivono nello stesso processo.

Questo documento offre una panoramica generale delle caratteristiche e delle limitazione dell'emulazione di fork(). Va notato che le questioni discusse qui non sono applicabili alle piattaforme sulle quali è disponibile una vera fork() e Perl è stato configurato per usarla.

DESCRIZIONE

L'emulazione di fork() è implementata a livello di interprete Perl. Questo, in generale, significa che fork() di fatto clona l'interprete in esecuzione e tutto il suo stato, e manda in esecuzione l'interprete clonato in un thread separato, iniziandone l'esecuzione subito dopo il punto in cui fork() era stata chiamata nel processor genitore. D'ora in avanti chiameremo pseudoprocesso il thread che implementa questo "processo" figlio.

Tutto ciò è stato progettato in modo da essere trasparente al programma Perl che ha chiamato fork(). Il genitore ritorna dalla fork con un ID di pseudoprocesso, il quale può in seguito essere usato in qualsiasi funzione di manipolazione del processo; il figlio ritorna dalla fork() con un valore 0 per indicare che è lui lo pseudoprocesso figlio.

Comportamento di altre caratteristiche di Perl nello pseudoprocesso risultante dal fork

La maggior parte delle caratteristiche del Perl si comportano in maniera normale all'interno dello pseudoprocesso.

$$ o $PROCESS_ID

Questa variabile speciale viene correttamente impostata all'ID dello pseudoprocesso. Può essere usata per identificare uno pseudoprocesso all'interno di una determinata sessione. Va notato che questo valore è soggetto al riutilizzo se degli pseudoprocessi vengono lanciati dopo che è stata attesa la fine di altri tramite wait().

%ENV

Ogni pseudoprocesso ha il suo ambiente virtuale. Le modifiche a %ENV influenzano l'ambiente virtuale, e sono visibili solamente all'interno di tale pseudoprocesso, ed in qualsiasi processo (o pseudoprocesso) lanciato da esso.

chdir() e tutte le altre funzioni integrate che accettano nomi di file

Ogni pseudoprocesso ha la sua idea della directory corrente. Un eventuale cambiamento della directory corrente utilizzando chdir() è visibile solamente all'interno di tale pseudoprocesso, ed in qualsiasi processo (o pseudoprocesso) lanciato da esso. Tutti gli accessi a file e directory effettuati dallo pseudoprocesso effettueranno correttamente la mappatura della directory di lavoro virtuale alla reale directory di lavoro.

wait() e waitpid()

A wait() e waitpid() può essere passato un ID di pseudoprocesso restituito da fork(). Le chiamate a queste funzioni attenderanno, correttamente, il termine del pseudoprocesso e restituiranno il suo stato.

kill()

kill() può essere utilizzato per terminare uno pseudoprocesso passando ad essa l'ID restituito da fork(). Essa non dovrebbe essere usata tranne che in circostanze estreme poiché, quando un thread viene terminato, il sistema operativo potrebbe non garantire l'integrità delle risorse del processo. Ricordate che l'uso di kill() su uno pseudoprocesso può causare dei memory leak [perdita di memoria, NdT], poiché il thread che implementa lo pseudoprocesso non ha avuto la possibilit<agrave> di effettuare la pulizia delle sue risorse.

exec()

La chiamata ad exec() all'interno di uno pseudoprocesso in realtà lancia l'eseguibile richiesto in un processo separato ed attende che esso termini l'esecuzione prima di uscire con lo stesso valore di uscita del processo. Ciò significa che l'ID del processo indicato all'interno del programma in esecuzione sarà diverso da ciò che la funzione fork() di Perl può aver restituito in precedenza. Analogamente, ogni funzione di manipolazione del proceso applicata all'ID restituito da fork(), influenzerà lo pseudoprocesso generato dalla chiamata ad exec(), non il vero processo che sta attendendo il ritorno di exec().

exit()

exit() fa sempre uscire solamente lo pseudoprocesso in esecuzione, dopo aver automaticamente atteso il termine di qualsiasi pseudoprocesso figlio ancora in esecuzione. Notate che ciò significa che il processo principale non uscirà a meno che tutti i pseudoprocessi non abbiano terminato la loro esecuzione.

Handle aperti verso file, directory e socket

Tutti gli handle aperti sono duplicati negli pseudoprocessi, dunque la chiusura di un handle in un processo non influisce sugli altri. Più avanti sono riportare alcune limitazioni.

Limiti di risorse

Agli occhi del sistema operativo, gli pseudoprocessi creati tramite l'emulazione di fork() sono semplicemente thread nello stesso processo. Ciò significa che qualsiasi limite a livello di processo imposto al sistema operativo vale per tutti gli pseudoprocessi messi assieme. Questo include qualsiasi limite imposto dal sistema operativo sul numero di file, directory e socket aperti, limiti sull'uso di spazio su disco, limiti sulle dimensioni in memoria, limiti sull'uso della CPU, ecc.

Uccidere il processo genitore

Se il processo genitore viene ucciso (usando la funzione kill() di Perl, o utilizzando qualche metodo esterno) anche tutti gli pseudoprocessi vengono uccisi, e l'intero processo esce.

Vita del processo genitore e degli pseudoprocessi

Durante il normale corso degli eventi, il processo genitore e tutti gli pseudoprocessi da esso generati attenderanno, prima di uscire, che i rispettivi pseudofigli terminino la loro esecuzione. Ciò significa che il genitore ed ogni suo pseudofiglio che è anche uno pseudogenitore usciranno solo dopo che i loro pseudofigli hanno terminato l'esecuzione.

Un modo per marcare gli pseudoprocessi cosicché siano eseguiti separatemente dal loro genitore (cosicché il genitore non debba attendere il loro termine se non lo desidera) verrà fornito in futuro.

AVVERTIMENTI E LIMITAZIONI

blocchi BEGIN

L'emulazione di fork() non funziona in maniera del tutto corretta se è chiamata dall'interno di un blocco BEGIN. La copia ottenuta tramite fork() eseguirà i contenuti del blocco BEGIN, ma non continuerà il parsing del codice sorgente dopo tale blocco. Ad esempio, considerate il seguente codice:

    BEGIN {
        fork and exit;          # il padre crea un figlio ed esce
        print "interno\n";
    }
    print "esterno\n";

Questo stamperà:

    interno

anziché, come ci si aspetta:

    interno
    esterno

Questa limitazione nasce da fondamentali difficoltà tecniche nel clonare e far ripartire gli stack usati dal parser Perl nel corso di un'operazione di parsing.

Filehandle aperti

Qualsiasi filehandle aperto al momento del fork() viene duplicato. Dunque, i file possono essere chiusi indipendentemente nel padre e nel figlio, ma ricordate che gli handle duplicati continueranno a condividere il puntatore che indica la posizione all'interno del file. Cambiare tale posizione nel padre la cambierà nel figlio, e viceversa. Questo può essere evitato aprendo separatamente, nei processi figli, i file che necessitano di puntatori diversi.

open() con pipe verso fork non ancora implementata

I costrutti open(PIPPO, "|-") e open(PLUTO, "-|") non sono ancora stati implementati. Questa limitazione può essere facilmente aggirata via codice, creando esplicitamente una pipe. Il seguente esempio mostra come creare un figlio derivante da una fork():

    # simula open(PIPPO, "|-")
    sub pipe_verso_fork ($) {
        my $genitore = shift;
        pipe my $figlio, $genitore or die;
        my $pid = fork();
        die "fork() fallita: $!" unless defined $pid;
        if ($pid) {
            close $figlio;
        }
        else {
            close $genitore;
            open(STDIN, "<&=" . fileno($figlio)) or die;
        }
        $pid;
    }

    if (pipe_verso_fork('PIPPO')) {
        # genitore
        print PIPPO "pipe_verso_fork\n";
        close PIPPO;
    }
    else {
        # figlio
        while (<STDIN>) { print; }
        close STDIN;
        exit(0);
    }

E questo legge dal figlio:

    # simula open(PLUTO, "-|")
    sub pipe_da_fork ($) {
        my $genitore = shift;
        pipe $genitore, my $figlio or die;
        my $pid = fork();
        die "fork() fallita: $!" unless defined $pid;
        if ($pid) {
            close $figlio;
        }
        else {
            close $genitore;
            open(STDOUT, ">&=" . fileno($figlio)) or die;
        }
        $pid;
    }

    if (pipe_da_fork('PLUTO')) {
        # genitore
        while (<PLUTO>) { print; }
        close PLUTO;
    }
    else {
        # figlio
        print "pipe_da_fork\n";
        close STDOUT;
        exit(0);
    }

La funzione open() con pipe verso fork sarà supportata in futuro.

Stato globale mantenuto dalle XSUB

Le subroutine esterne (XSUB) che mantengono il loro proprio stato globale, possono funzionare in maniera non corretta. Tali XSUB avranno il bisogno di conservare i lock per proteggere l'accesso simultaneo a dati globali da differenti pseudoprocessi, oppure dovranno conservare il loro stato sulla tabella dei simboli del Perl, che viene copiata di per sé quando viene chiamata fork(). Un meccanismo di callback [Un callback è un riferimento ad una subroutine che viene passato come argomento nella chiamata ad un'altra subroutine, in modo da renderla più flessibile, NdT] che fornisce alle estensioni una via per clonare il loro stato sarà fornito in futuro.

Interprete all'interno di un'applicazione più grande

L'emulazione di fork() può comportarsi in maniera imprevista quando viene eseguita in un'applicazione che contiene un interprete Perl e chiama delle API Perl che eseguono frammenti di codice. Ciò deriva dal fatto che l'emulazione conosce esclusivamente le strutture dati dell'interprete Perl, e non sa invece nulla sullo stato dell'applicazione che fa da contenitore. Per esempio, qualsiasi stato memorizzato nello stack dell'applicazione è fuori portata.

Thread-safety delle estensioni [compatibilità delle estensioni con i thread, NdT]

Siccome l'emulazione di fork() esegue codice in thread multipli, le estensioni che effettuano chiamate a librerie che non sono thread-safe possono funzionare in maniera non affidabile qualora venga chiamata fork(). Man mano che il supporto ai thread del Perl si sta diffondendo anche sui sistemi in cui esiste una fork() nativa, tali estensioni saranno probabilmente corrette in modo da essere thread-safe.

BUG

  • Avere interi negativi come ID di pseudoprocesso causa problemi con il numero intero -1, poiché per le funzioni wait() e waitpid() si tratta di un caso speciale. L'assunzione tacita, nell'implementazione corrente, è che il sistema non alloca mai un ID di thread di 1 per i thread utente. Una rappresentazione migliore per gli ID di pseudoprocesso sarà implementata in futuro.

  • In alcuni casi, gli handle a livello di sistema operativo creati dagli operatori pipe(), socket() e accept() non sono duplicati correttamente negli pseudoprocessi. Ciò accade solo in alcune situazioni, ma quando accade, può portare a degli stalli tra l'estremo di lettura e quello di scrittura delle handle di pipe, o l'impossibilità di inviare o ricevere dati attraverso handle di socket.

  • Questo documento può essere incompleto in alcuni aspetti.

AUTORE

Il supporto per interpreti concorrenti per l'emulazione di fork() sono stati implementati da ActiveState, grazie a fondi forniti da Microsoft Corporation.

Questo documento è scritto e mantenuto da Gurusamy Sarathy <gsar@activestate.com>.

CONSULTATE ANCHE

"fork" in perlfunc, perlipc

TRADUZIONE

Versione

La versione su cui si basa questa traduzione è ottenibile con:

   perl -MPOD2::IT -e print_pod perlfork

Per maggiori informazioni sul progetto di traduzione in italiano si veda http://pod2it.sourceforge.net/ .

Traduttore

Traduzione a cura di Michele Beltrame.

Revisore

Revisione a cura di Michele Beltrame e dree.